Infiniti lascia l’Europa Occidentale dal 2020

Il brand Premium di Nissan ha annunciato un piano di riorganizzazione che punta a incrementare le vendite in Nord America e Cina. Elettrificazione della gamma dal 2021 e addio ai propulsori diesel. Stop all’impianto di Sunderland (GB) a metà 2019

Verona – INFINITI Motor Company lascerà l’Europa Occidentale dal 2020, nel quadro di un piano di riorganizzazione che punta a incrementare le vendite in Nord America e Cina. Lo ha annunciato il brand Premium di Nissan, che ha spiegato come il ritiro dall’Europa Occidentale non avrà effetti sulle attività in Europa orientale, Medio Oriente, Asia e Oceania che continueranno a crescere.

L’annunciato piano di riorganizzazione non sorprende, visto che INFINITI non è mai riuscita a decollare sui mercati europei, né sorprende il disimpegno produttivo dalla Gran Bretagna, considerati gli effetti di medio e lungo termine che la BREXIT potrebbe avere sull’economia britannica in un momento di incertezze come l’attuale fase. In questo scenario, infatti, è stata annunciata l’interruzione della produzione dei modelli Q30 e QX30 nel sito produttivo di Sunderland, nel Regno Unito. “Il management dell’impianto incontrerà i dipendenti e i loro rappresentanti per discutere delle ripercussioni dell’operazione”, fa sapere l’azienda dell’Alleanza 2022 tra Renault, Nissan e Mitsubishi. 

Nel piano di riorganizzazione rientra l’annuncio dell’avvio dell’elettrificazione della gamma a partire dal 2021, con il contestuale abbandono dei propulsori diesel. Lo scenario infatti prevede l’aumento della produzione della gamma SUV in Nord America, presenterà cinque nuovi modelli in Cina entro il 2024, nel quadro di uno sviluppo delle attività in seno a Nissan Motor, con l’ambizioso obiettivo di diventare uno dei brand di punta del Segmento Premium. 

La casa automobilistica con sede ad Hong Kong ha precisato che “si sta adoperando per offrire opportunità di lavoro alternative ai dipendenti che saranno coinvolti dal cambiamento, consultandosi con i rappresentanti degli stessi solo dove necessario, individuando nuove possibilità di inserimento e formazione“. 

Nel corso del 2019, “le attività di vendita di INFINITI resteranno operative finché non sarà messo in atto un piano di transizione specifico, relativo ai servizi post-vendita, tra cui assistenza alla clientela, manutenzione dei veicoli e riparazione dei modelli in garanzia“, recita il comunicato della casa automobilistica, in cui si invitano i clienti a contattare il centro di assistenza INFINITI di riferimento per ottenere maggiori informazioni. 

Resta da capire con quale spirito INFINITI pretenda di convincere clienti ad acquistare le proprie autovetture in Europa Occidentale, quando all’inizio del 2020 non si troverà più alcun riferimento aziendale e le auto usate sul mercato, proprio per questo, subiranno un’inevitabile svalutazione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


John Horsemoon

Sono uno pseudonimo e seguo sempre il mio dominus, del quale ho tutti i pregi e i difetti. Sportivo e non tifoso, pilota praticante(si fa per dire...), sempre osservante del codice: i maligni e i detrattori sostengono che sono un “dissidente” sui limiti di velocità. Una volta lo ero, oggi non più. Correre in gara dà sensazioni meravigliose, farlo su strada aperta alla circolazione è al contrario una plateale testimonianza di imbecillità. Sul “mio” giornale scrivo di sport in generale, di automobilismo e di motorsport, ma in fondo continuo a giocare anche io con le macchinine come un bambino.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.