Gran muftì saudita: “I kamikaze in nome dell’islam sono criminali che andranno all’inferno”

Svolta nella monolitica Arabia Saudita di matrice wahabita. Sheikh Abdul Aziz bin Abdullah al-Sheikh ha lanciato un’invettiva contro gli attentatori suicidi sauditi. Per il leader religioso i kamikaze sono matti e rovinano se stessi e la società. Le dichiarazioni del gran muftì giungono dopo un grave attentato avvenuto lo scorso 5 dicembre in Yemen costato la vita a 56 persone. Tutti gli attentatori erano di nazionalità saudita

Leggi il seguito

Il prodotto migliore dell’export Saudita è “L’Esercito dell’Islam”

Un articolo bomba scritto da Phil Greaves, esperto di politica internazionale e blogger, analizza i nuovi passi dell’opposizione siriana sempre più divisa e, soprattutto, sempre più fondamentalista. L’Occidente tenta di darne un’immagine “moderata”, ma il progetto è simile – se non proprio “lo stesso” – di quello promosso da Al Qaeda. Articolo pubblicato su AsiaNews, che lo ha pubblicato per gentile concessione di Ich

Leggi il seguito

È arrivato il tempo di dichiarare il jihad islamista crimine contro l’Umanità

La violenza religiosa da parte degli estremisti islamisti di matrice wahabita giustifica una reazione globale e mutidimensionale. Serve una dichiarazione giuridica solenne, per inquadrare i crimini commessi in nome di Dio. Da Peshawar a Nairobi, chi compie certi atti deve sapere di mettersi al di fuori del consesso umano. Nessun Dio può promuovere la violenza, nessun uomo può più impunemente chiamare Dio come ispiratore di crimini

Leggi il seguito

Pakistan, 78 morti e almeno 130 feriti in un doppio attacco suicida a Peshawar davanti a una chiesa

(Aggiornamento 1) Doppio attentato suicida simultaneo compiuto davanti a una chiesa nella zona nordoccidentale del Paese: moltissimi feriti, oltre un centinaio, molti dei quali in condizioni critiche. Tra i morti, 34 donne e sette bambini. Proteste contro il governo in tutto il Paese

Leggi il seguito

Medio Oriente, dall’accordo Sykes-Picot a oggi. Cent’anni dopo… è rimasto tutto come prima?

Antichi accordi su sfere d’influenza e d’interesse. Concerto delle Grandi Potenze e Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Accaparramento delle risorse energetiche mondiali, storie già viste e mai davvero risolte. Con l’aggravante dell’espansionismo di Al Qaeda, forse per conto terzi

Leggi il seguito