Al San Raffaele presentato guanto robotico per curare pazienti colpiti da ictus

L’invenzione arriva dall’ospedale San Raffaele di Roma, che costituisce insieme al Roessingh Research and Development in Olanda e all’Università di Sheffield del Regno Unito, uno dei partner del progetto. Si tratta di un guanto robotico da utilizzare su persone colpite da ictus per la riabilitazione a distanza. Lo strumento sarà presto sottoposto a ulteriori controlli e prove su pazienti per testarne l’efficienza 

kez004_1

Un guanto robotico in grado di aiutare le persone colpite da ictus a recuperare le funzionalità del polso e della mano durante il trattamento riabilitativo. L’invenzione arriva dal San Raffaele di Roma, dove lo strumento hi-tech, dopo sei mesi di test, è stato presentato oggi in occasione della Giornata Mondiale contro l’ictus. Il “Supervised Care and Rehabilitation Involving Personal Tele-Robotics“, questo il nome del braccio elettronico, costituisce uno degli ultimi traguardi nel campo della medicina. Lo “Script”, infatti, permette a medici e terapisti di monitorare i trattamenti effettuati dai pazienti, prescrivendo loro attività ed esercizi per il recupero dell’arto. 

Una tele-riabilitazione dunque, utile per far riprendere l’attività muscolare e nervosa ma anche per diminuire il numero di visite quotidiane negli ospedali, sempre affollati.  “Le valutazioni positive sul recupero della funzione della mano da parte dei primi nove pazienti in Italia che hanno già terminato la sperimentazione – spiega Patrizio Sale, responsabile del progetto – ci danno un grande input per un training su larga scala del guanto robotico”.

Uno studio di carattere internazionale quello presentato oggi. “Il San Raffaele, infatti, – osserva l’esperto – è uno dei tre partner clinici del progetto insieme a Roessingh Research and Development in Olanda e all’Università di Sheffield del Regno Unito, in collaborazione con Alice Italia Onlus (Associazione per la lotta all’ictus cerebrale)”. Lo strumento sarà presto testato su persone colpite dalla malattia per accertarne funzionalità e ed efficienza. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

20130628-twitter-very-little@Rosalia Bonfardino

Shares
Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: