Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Montmelò teatro delle ultime prove libere prima di Melbourne | HORSEMOON POST
F1MotorsportSport

Montmelò teatro delle ultime prove libere prima di Melbourne

F1, il bilancio dei test pre-campionato, prima del rush finale invernale. Valutazioni e bilanci provvisori in vista della prossima sessione di test sul circuito catalano di Montmelò

TEST F1/2013

E’ tempo di bilanci provvisori, in attesa della seconda sessione di prove pre-campionato, sulla pista catalana di Montmelò, presso Barcelona, che ospiterà gli undici team del Circus dal 28 febbraio al 3 marzo prossimi. In attesa di rivedere gli attori della F1 in pista, ripercorriamo, con dati alla mano, i risultati ottenuti nelle prime due tornate di prove, a Jerez de la Frontera e sullo stesso tracciato catalano.

Nel corso del “primo turno” di prove invernali, dal 5 all’8 febbraio scorso, sul circuito di Jerez de la Fronterà ha colpito l’assenza di Fernando Alonso, deciso ad approfondire la sua forma fisica in attesa delle prove di casa a Barcellona. Clima di insoddisfazione generale a causa dell’asfalto troppo abrasivo, un tipo di manto che non consente una corretta valutazione degli pneumatici. Un problema di rilievo, dato le modifiche portate dalla Pirelli alla composizione delle coperture: uniche sopravvissute le medie e le dure!

Entrando nel vivo della prima giornata… stanco di una mattinata passata ai box per problemi alla pompa di benzina, Jenson Button su McLaren MP4-28, strappava il miglior tempo nell’ultimo step della giornata, con un crono di 1’18’’861. A +0’848 Mark Webber, sulla nuova Red Bull RB9. Come un’ombra, si faceva intravedere la Lotus di Romain Grosjean, che confermava il proprio stato di forma nel corso della seconda giornata di test, con il miglior tempo di 1’18’’218. Alle sue spalle, Paul di Resta su Force India, staccato di quasi otto decimi e, a chiudere la tripletta, Daniel Ricciardo su Toro Rosso.

Nel frattempo i top team lavoravano intensamente nel valutare il comportamento delle gomme Pirelli, pur con le difficoltà relative alle condizioni della pista. In Ferrari, nuovi scarichi e modifiche ai lati del cockpit. Un atteso Lewis Hamilton, in nuova divisa, arrestava le sue prove con uno stop forzato dopo soli 15 giri, per un guasto all’impianto frenante. Dolori per la nuova nata, Mercedes W04, con un problema elettrico anche per Nico Rosberg, nella prima giornata di prove.

Nella terza giornata, usciva dall’oscurità il brasiliano Felipe Massa, con il miglior tempo della quattro giorni a Jerez con un incredibile 1’17’’879, realizzato con gomme soft. Nell’ultima giornata di test a Jerez, Kimi Raikkonen staccava il miglior tempo, con una E21 apparsa in crescita, seguito da Banchi su Force India e a Sebastian Vettel, che saliva sul terzo gradino del podio virtuale.

Debutto di fuoco per lo spagnolo Pedro de la Rosa, che doveva fermare la F138 dopo soli 2 giri, per un principio di incendio sulla F138 causato da un problema al cambio.

Concluso il primo appuntamento, il Circus si spostava sul Montmelò, nei pressi di Barcellona. Su un circuito unanimemente apprezzato da tutto il caravanserraglio della F1, la musica cambiava: più concretezza di dati e valutazioni più attinenti delle prestazioni delle nuove monoposto.

Apriva le danze, Nico Rosberg, che fermava il cronometro sull’1’22.616. Un buon risultato in Mercedes arrivava anche da Lewis Hamilton, il quale, nella giornata conclusiva, siglava infine il miglior tempo. Una Mercedes in ripresa, ma con tutte le cautele del caso. Sergio Perez, new entry in McLaren, si faceva vedere subito, scalando la vetta del lotto nella seconda giornata, con il crono di 1’21.848.

L’arrivo di Fernando Alonso alzava le aspettative e le curiosità, senza deluderle. Il terzo giorno infatti era tutto dell’asturiano, che svettava in testa alla classifica. Red Bull pericolosa, soprattutto perché da tutti considerata troppo nascosta. Ultima giornata, infine, con pioggia battente e utilizzata dai team per provare le coperture da bagnato. Miglior tempo di Hamilton, ma realizzato in un momento di pista asciutta.

Da giovedì a domenica prossima, ultima messa a punto delle monoposto, prima dell’imbarco sui cargo con destinazione Melbourne. È ormai partito il countdown, il campionato 2013 è in arrivo!

© RIPRODUZIONE RISERVATA