Tumori, scoperto un meccanismo che ne blocca la crescita

L’Istituto San Raffaele ha divulgato i dati di una ricerca, condotta in collaborazione tra varie università, che ha  individuato molecole in grado di arrestare lo sviluppo dei tumori

ricerca

Nuovi passi avanti nella cura dei tumori. Quello del “male incurabile” potrebbe infatti presto essere solo un triste ricordo. Lo si desume dalla divulgazione dei risultati di una ricerca condotta dall’Istituto San Raffaele di Milano in collaborazione con le Università di Pisa, Milano, Brescia, di Harvars, Molmed e il Kalorinska Institute di Stoccolma.

Pubblicati sulla rivista The Journal of Sperimental Medicine, i risultati mostrano come i metaboliti del colesterolo prodotti dai tumori attraggano a sé i neutrofili, le cellule più abbondanti del sangue, la cui funzione consiste nel difendere l’organismo. Questi ultimi, però, in caso di tumori renderebbero le neoplasie proattive e difficili da controllare nel loro sviluppo. I ricercatori hanno, dunque, individuato una classe di molecole capaci di combattere questo meccanismo. Queste, infatti, andrebbero a bloccare l’ingresso dei neutrofili nel tumore, contrastandone e bloccandone la crescita.

Per il momento – afferma Vincenzo Russo, responsabile dell’Unità di Terapia Genica dei tumori dell’IRCCS dell’Ospedale San Raffaele di Milano e coordinatore della ricerca – abbiamo testato con successo la terapia farmacologica a livello murino per alcuni tipi di tumore come i linfomi, i tumori polmonari e i mesoteliomi”. Russo, ricordando che questo studio è frutto di un lavoro precedente condotto dagli stessi ricercatori, sottolinea che “rappresenta un passo in avanti sia nella conoscenza dei meccanismi biologici che favoriscono la crescita tumorale, sia nell’identificazione di nuovi target terapeutici che consentiranno di mettere a punto, nei prossimi anni, nuove terapie antitumorali”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

20130628-twitter-very-littleRosalia Bonfardino

Un pensiero riguardo “Tumori, scoperto un meccanismo che ne blocca la crescita

  • 31/07/2013 in 12:39:38
    Permalink

    Che Dio aiuti questi medici dalle mano d oro!!!!!!!!!!!!!

I commenti sono chiusi