F1

Stefano Domenicali ha ricordato Roland Ratzenberger e Ayrton Senna

“Ricordo ogni momento di quel terribile week-end”, ha scritto l’ex Team Principal della Ferrari, che è originario di Imola. “La Ferrari, che è sempre nel mio cuore, non poteva mancare oggi”

20140502-stefano-domenicali

Stefano Domenicali ha inviato una lettera agli organizzatori della manifestazione “Ayrton Senna Tribute 1994-2014” per ringraziare dell’invito ricevuto, ma per segnalare le ragioni comprensibili della sua assenza fisica nella sua città, alla quale è “profondamente legato”.

Nella lettera, l’ex Team Principal della Ferrari – dimessosi quasi tre settimane fa dalla casa di Maranello – ripercorre quel fine settimana doloroso e assurdo sul circuito del Santerno, manifestando il proprio affettuoso tributo a Roland Ratzenberger e Ayrton Senna con poche e significative parole.

“La Ferrari, che è sempre nel mio cuore – scrive Domenicali, mostrando solo una piccola parte delle sue qualità umane e professionali – non poteva mancare” a questa manifestazione che calamiterà una massa di appassionati fino a domenica pomeriggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

La lettera di Stefano Domenicali agli organizzatori di “Ayrton Senna Tribute 1994-2014”

Sono certo che capirete le ragioni per cui oggi non sono fisicamente lì con voi. Sono orgoglioso che la mia città, alla quale sono profondamente legato, abbia organizzato un evento così importante per celebrare un vero campione dello sport.

Mi sembra ieri e invece sono già passati 20 anni. Ricordo ogni momento di quel terribile week-end e un pensiero e una preghiera va anche a Ratzenberger e alla sua famiglia. Su Senna è stato detto tutto e io non voglio e posso aggiungere nulla; di quella giornata mi ricordo il silenzio assordante dei momenti che seguirono l’incidente… ma anche l’incredulità per quella serie di incidenti che caratterizzarono la corsa del 1° maggio 1994.

Imola da quel giorno è cambiata ma anche la Formula 1 è diversa… il lavoro che è stato fatto dopo le tragedie che sono state vissute sulle rive del Santerno sulla sicurezza attiva e passiva è stato davvero incredibile. La Ferrari, che è sempre nel mio cuore, non poteva mancare oggi. Sono certo che avremo altre occasioni per stare insieme.

Un caro saluto a tutti gli imolesi, agli sportivi e agli amici che saranno oggi sul circuito Enzo e Dino Ferrari.

Stefano Domenicali