Corinna Schumacher avrebbe messo in vendita l’aereo di Michael: prezzo di vendita, 15 milioni di euro

Per il quotidiano tedesco “Bild”, dopo la riabilitazione la famiglia non potrà mantenere lo stesso stile di vita di prima

20140725-Schumacher-jet-655x436

Ginevra – La moglie di Michael Schumacher, Corinna, ha messo in vendita l’aereo privato del marito, un jet  Dassault Falcon 2000EX da otto posti, capace di voli transoceanici. Lo scrive la “Bild”, secondo cui il prezzo per la vendita dell’aereo è fissato in 15 milioni di euro.

Schumacher ha utilizzato il veivolo con grande frequenza, per spostarsi sui circuiti e per spostarsi con Corinna e i figli Mick  Jr. e Gina Maria. Dopo il terribile incidente e la lunga riabilitazione, però, per la “Bild” Schumacher potrebbe non avere più lo stesso stile di vita di prima. Da qui, la scelta di mettere in vendita l’aereo.

Michael Schumacher è ricoverato presso la clinica di riabilitazione neurologica del CHUV di Losanna, dove è trattato con l’obiettivo del massimo recupero possibile. Il “Daily Mirror” qualche giorno fa ha riportato che le sue condizioni sono in miglioramento, al punto che potrebbe perfino essere dimesso alla fine del mese di agosto e che sia capace di comunicare con i familiari attraverso il movimento degli occhi. 

Dall’incidente a Méribel del 29 dicembre scorso, Schumacher ha affrontato una lunga fase di coma, provocato dalla caduta su alcuni massi in una zona fuori pista, dopo avervi battuto la testa. I medici che lo stanno curando starebbero pensando ad una tecnica rivoluzionaria con l’utilizzo di un microchip, capace di aiutarlo a camminare e parlare di nuovo. Ipotesi fantascientifiche probabilmente create ad arte per vendere qualche copia in più o ottenere qualche visita sul web in più (e non vi sarà sfuggito che ne stiamo parlando ora, en passant, ma non ne abbiamo parlato prima).

Nelle prossime settimane Michael Schumacher potrebbe utilizzare una sedia a rotelle comandata dai movimenti della bocca, così come fu capace di fare Christopher Reeve dopo la caduta da cavallo. Uno scenario che contraddice ogni ipotesi di chip e che renderebbe la vita del sette volte campione del mondo complessa, ma pur sempre vita!

(Credit: TMNews) © RIPRODUZIONE RISERVATA 

I commenti sono chiusi