Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Corea del Sud, 22 persone in trattamento per possibile esposizione ad antrace | HORSEMOON POST
EsteriIn Primo Piano

Corea del Sud, 22 persone in trattamento per possibile esposizione ad antrace

Potrebbero essere venuti a contatto con le spore attive inviate per errore dal Dugway Proving Ground dell’US Army, un laboratorio sperimentale dell’esercito americano

20150529-antrace-sud-corea-655x436


Seul – In Corea del Sud 22 persone si trovano sotto trattamento medico dopo che un laboratorio del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti – il Dugway Proving Ground dell’US Army – ha inviato per errore spore attive di antrace in una base militare americana nei pressi di Seul. Lo riferiscono i media locali. Le persone “potrebbero essere state esposte durante un’esercitazione di addestramento” nell’Osan Air Force Base, fa sapere un comunicato diffuso dalla base.

Un portavoce del Pentagono, il colonnello Steve Warren, ha tuttavia reso noto che “non ci sono pericoli per la salute pubblica e non ci sono casi sospetti o confermati di infezioni da antrace per i tecnici di laboratorio potenzialmente esposti“.

Il laboratorio di Dugway, nello Stato dello Utah, ha inviato la sostanza mortale per Osan Air Base, situato a sud di Seul, nonché di 17 altri laboratori in nove Stati americani, le notizie hanno detto. L’esposizione è avvenuta per un errore.

(Credit: Adnkronos) © RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.