Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Election Day, seggi aperti. Candidati e big alle urne: 22 milioni di italiani al voto | HORSEMOON POST
In Primo PianoPolitica

Election Day, seggi aperti. Candidati e big alle urne: 22 milioni di italiani al voto

Consultazione amministrativa in 7 Regioni (Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Umbria, Campania e Puglia) e in 1.060 Comuni, tra cui 17 città capoluogo. Al voto anche cinque nuovi comuni istituiti per fusione di altri piccole unità amministrative: tutte al Nord… Mappa interattiva

20150531-elezioni_amministrative-2015


Si sono aperte alle 7 le urne per le elezioni regionali e amministrative. Sono chiamati al voto quasi 22 milioni di italiani. Si vota in 7 Regioni (Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Umbria, Campania e Puglia) e in oltre settecento Comuni, tra cui 17 città capoluogo. Per le città, dopo il voto ad Aosta Trento e Bolzano, i riflettori sono puntati su Venezia, da quasi un anno commissariata dopo le dimissioni del sindaco Giorgio Orsoni e lo scandalo Mose. (Vai allo Speciale Amministrative)

VENETO – Sette in corsa per la carica di presidente nella Regione in cui si è consumato lo strappo nella Lega, con il sindaco di Verona Flavio Tosi sceso in campo contro il governatore in carica Luca Zaia, sostenuto da Lega e Forza Italia. A lottare per evitare la riconferma del governatore leghista, il centrosinistra ha schierato Alessandra Moretti. A completare il quadro Iacopo Berti del M5S, Alessio Morosin di Indipendenza Veneta, Laura Di Lucia Coletti per la lista ‘L’Altro Veneto’ e Sebastiano Sartori per Forza Nuova.

LIGURIA – Sono otto i candidati alla presidenza della Regione. La sfida principale è tra la renziana Raffaela Paita (Pd e Liguria Cambia), vincitrice di primarie al veleno che portarono all’addio di Sergio Cofferati al partito, e Giovanni Toti per il centrodestra (Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d’Italia, Alleanza Popolare – Liguria, Riformisti Italiani). A premere da sinistra c’è però Luca Pastorino (ex Pd) per la Lista Pastorino e Rete a Sinistra. In campo anche Alice Salvatore per il Movimento Cinque Stelle, Enrico Musso per Liguria Libera, Antonio Bruno per Progetto Altra Liguria (lista civica ispirata al leader greco Tzipras), Matteo Piccardi per il Partito Comunista dei Lavoratori, Mirella Batini per Fratellanza Donne (lista civica indipendente).

MARCHE – Sono cinque i candidati in corsa per la presidenza della Regione Marche. Il governatore uscente Gian Mario Spacca si ripresenta per conquistare il terzo mandato, ma stavolta non si ricandida col Pd bensì con la coalizione centrista Marche 2020, appoggiata anche da Forza Italia. A sfidarlo per il centrosinistra e il Pd è Luca Ceriscioli, sindaco di Pesaro, risultato vincitore alle primarie. In campo ci sono anche Gianni Maggi del M5S, Francesco Acquaroli per Fdi-An e Lega ed Edoardo Mentrasti di Altre Marche – Sinistra unita.

TOSCANA – Sono 7 le candidature per la presidenza della Regione Toscana: l’uscente governatore Enrico Rossi, sostenuto dal Pd e dalla lista Il Popolo Toscano-Riformisti 2020; Claudio Borghi, candidato della Lega Nord e di Fratelli d’Italia; Giacomo Giannarelli, sostenuto dal M5S; Gianni Lamioni, candidato della lista Passione per la Toscana, espressione di Ncd e Udc e liste civiche; Tommaso Fattori, candidato della Lista Sì Toscana a sinistra; Stefano Mugnai, candidato di Forza Italia e di Lega Toscana-Più Toscana; Gabriele Chiurli, sostenuto dalla lista Democrazia Diretta.

UMBRIA – Sono 8 le candidature a presidente e 16 le liste. A sfidarsi per la poltrona do Governatore a presidente uscente Catiuscia Marini ( Pd, Socialisti riformisti, Iniziativa per l’Umbria e Umbria più uguale), il sindaco di Assisi Claudio Ricci (Fratelli d’Italia, Forza Italia, Lega, Per l’Umbria popolare, Ricci presidente e Cambiare in Umbria), Michele Vecchietti (L’Umbria per un’altra Europa), Simone Di Stefano ( Sovranità), Amato John De Paulis (Alternativa riformista), Andrea Liberati (Movimento 5 Stelle), Aurelio Fabiani (Casa Rossa – Partito comunista dei lavoratori) e Fulvio Carlo Maiorca (Forza Nuova). Escluso il candidato Giampiero Prugni, sostenuto dalla lista Italia dei Diritti, non ammessa per “mancanza di documentazione”.

CAMPANIA – Saranno 6 i candidati che si contenderanno la poltrona di presidente della Regione Campania. I riflettori sono puntati sulla sfida tra il presidente uscente del centrodestra Stefano Caldoro e l’ex sindaco di Salerno, e vincitore delle primarie, Vincenzo De Luca. Oltre a loro Valeria Ciarambino (M5S), il giornalista del ‘Mattino’ Marco Esposito (lista “Mo!”, progetto civico sul quale convergono diversi movimenti meridionalisti), Michele Giliberti (Forza Nuova) e Salvatore Vozza (sostenuto da ‘Sinistra al lavoro per la Campania’, ovvero Sel e altre sigle). Ma sono gli appoggi incrociati a fare notizia: a cominciare da quello dell’ultimissima ora a De Lucadell’Udc, che si separa così dal Nuovo Centrodestra con il quale in Parlamento forma il gruppo Area popolare. Con De Luca anche Idv, Psi, Centro democratico, Verdi e Insorgenza Civile. A sostenere Caldoro, oltre Forza Italia che si presenta conAlessandra Mussolini capolista nella circoscrizione di Napoli, anche il Nuovo Centrodestra, Fratelli d’Italia, Popolari per l’Italia, Noi Sud, Lega Sud Ausonia, la lista “Caldoro presidente” e le liste civiche “Mai più Terra dei fuochi”, “Vittime della giustizia e del fisco”.

PUGLIA – Sono sette in tutto i candidati alla carica di presidente della Regione Puglia e diciannove le liste. Favorito nei sondaggi il candidato del centrosinistra ed ex sindaco di Bari, Michele Emiliano (otto le liste in appoggio: Pd, le due civiche’La Puglia con Emiliano’ ed ‘Emiliano sindaco di Puglia’, ‘Noi a sinistra per la Puglia’ del governatore uscente Vendola, Partito comunista d’Italia, Popolari, Popolari per l’Italia, Pensionati, invalidi e giovani insieme) che sfiderà un centrodestra spaccatotra l’oncologo Francesco Schittulli (tre liste, Movimento Schittulli-Area popolare, Fratelli d’Italia e Oltre con Fitto, la lista promossa dall’ex ministro e leader pugliese di Forza Italia) e l’ex sindaco di Lecce Adriana Poli Bortone (quattro liste, l’ala berlusconiana di Forza Italia, la Lega di Noi con Salvini, la civica della Poli Puglia Nazionale e Partito liberale italiano). In campo anche Antonella Laricchia (Movimento 5 Stelle), Michele Rizzi (Alternativa comunista), Riccardo Rossi (L’Altra Puglia) e l’ultimo arrivato Gregorio Mariggiò (Verdi).

SICILIA – In Sicilia si vota in 53 comuni. L’eventuale turno di ballottaggio è previsto per il 14 e 15 giugno. Si vota in ventuno comuni con popolazione legale superiore alla soglia dei 10.000 abitanti e per i quali viene applicato il sistema elettorale maggioritario a doppio turno, come di seguito:

  • comuni al voto: 53 su 390 comuni siciliani (13,6%)

  • comuni >10.000 ab: 21 su 53 (39,6%)

  • comuni ≤10.000 ab: 32 su 53 (60,4%)

  • capoluoghi di provincia: Agrigento ed Enna

In provincia di Agrigento si vota, oltre che nel capoluogo, a Cammarata, Licata, Raffadali, Realmonte, Ribera e Siculiana. In provincia di Caltanissetta si vota a Gela, Mussomeli, Serradifalco e Villalba. A Catania si vota Bronte, Maniace, Milo, Pedara, San Giovanni La Punta e Tremestieri Etneo. A Enna, oltre al capoluogo, si rinnovano le amministrazioni di Agira, Centuripe, Nicosia, Pietraperzia e Valguarnera Caropepe. Messina è la seconda provincia con più comuni al voto: Barcellona Pozzo di Gotto, Basicò, Giardini-Naxos, Graniti, Limina, Malvagna, Milazzo, Mirto, Naso, Raccuja, San Salvatore di Fitalia, Savoca. A Palermo 13 comuni al voto, la quantità maggiore nell’isola: Aliminusa, Caltavuturo, Carini, Collesano, Godrano, Lascari, Polizzi Generosa, Pollina, San Mauro Castelverde, Santa Cristina Gela, Scillato, Trabia, Villabate. In provincia di Ragusa si rinnova l’amministrazione locale di Ispica, mentre a Siracusa solo quella augusta. A Trapani sono due i comuni in cui la popolazione è chiamata alle urne: Gibellina e Marsala che – con 80.218 abitanti – è anche la città più popolosa chiamata al voto, davanti a Gela (CL), che ha 75.668 residenti.

NUOVI COMUNI – Al voto anche cinque nuovi comuni istituiti nel 2015 per fusione di altre unità amministrative, con un processo di intelligente razionalizzazione.

20150531-nuovi-comuni

Nuovi comuni istituiti nel 2015 mediante fusione di altri (fonte: tuttitalia.it)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.