Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Epidemia Mers in Sudcorea: 5 nuovi casi, 11 morti | HORSEMOON POST
EsteriIn Primo Piano

Epidemia Mers in Sudcorea: 5 nuovi casi, 11 morti

La Banca centrale di Seoul taglia tassi d’interesse per limitare l’impatto dell’epidemia, segno della gravità dell’epidemia

Turisti a Seul con mascherine al volto (usate da tutta la popolazione. Foto da Ibitimes.com)
Turisti a Seul con mascherine al volto (usate da tutta la popolazione. Foto da Ibitimes.com)

Seul – Cinque nuovi casi di Mers (Middle East Respiratory Syndrome) sono stati registrati in Corea del Sud, portando il numero dei contaggiati a 126. Finora la sindrome respiratoria da coronavirus ha ucciso 11 persone nel Paese asiatico.

L’epidemia sta suscitando grande allarme nel Paese, sia per gli aspetti sanitari che per quelli economici. La Banca Centrale di Seoul, infatti, ha deciso di cercare di dare fiato all’economia per attutire il colpo, tagliando il principale tasso d’interesse.

La malattia colpisce anche malati per altre patologie, che hanno sistemi immunitari affievoliti. Le persone messe in isolamento per verificare la presenza del virus sono state finora oltre 3.800.

L’epidemia sta provocando danni economici importanti alle attività commerciali. Tutti i luoghi in cui si concentrano molte persone – centri commerciali, ristoranti, cinema – hanno registrato crolli nelle presenze.

(Fonte: agenzie) © RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.