Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Addio a Dick Van Patten, Tom Bradford di ‘Eight Is Enough’, serial tv degli anni ’80 | HORSEMOON POST
In Primo PianoTelevisione

Addio a Dick Van Patten, Tom Bradford di ‘Eight Is Enough’, serial tv degli anni ’80

Il celebre attore è mancato al Saint John’s Hospital di Santa Monica, in California, a causa di complicazioni legate al diabete, di cui soffriva da tempo

20150623-Dick-Van-Patten


Santa Monica – Televisione Usa in lutto per la scomparsa di Dick Van Patten, il Tom Bradford del noto serial televisivo degli anni Ottanta ‘La famiglia Bradford‘, morto stamane all’età di 86 anni. Lo riporta ‘Variety’.

Van Patten è venuto a mancare al Saint John’s Hospital di Santa Monica, California, a causa di complicazioni dovute al diabete, di cui soffriva da tempo. Il geniale attore dalla faccia tonda è apparso anche in diversi film della Disney, compreso ‘Quel pazzo venerdì’ (l’originale, nella versione con Jodie Foster) così come nelle commedie di Mel Brooks ‘Alta tensione’, ‘Robin Hood – Un uomo in calzamaglia’ e ‘Balle spaziali’.

Di sangue mezzo italiano, Dick van Patten nacque a Kew Gardens, New York, il 9 Dicembre 1928 da Richard Byron Van Patten, un britannico di sangue neerlandese, e da Josephine Acerno, di chiare origini tricolori.

Van Patten debuttò come attore nella fanciullezza: nel 1937 cominciò a calcare le scene di Broadway. Più spesso associato alla televisione e a commedie di cassetta, l’attore raccolse molte soddisfazioni sul palcoscenico, con almeno due dozzine di spettacoli teatrali come ‘The Eternal Road’ di Kurt Weill. Di recente era apparso sullo schermo nel ruolo di protagonista di Lester nella sitcom ‘Hot in Cleveland’. Altri lavori recenti sono ‘7th Heaven’ nel 2004, la serie televisiva ‘Ti presento i miei’ nel 2005, ‘That ’70s Show’ nel 2006 2 ‘The Sarah Silverman Program’ nel 2008.

Van Patten era diventato famosissimo come Tom Bradford, il giornalista del ‘Sacramento Register‘ – una testata di fantasia della capitale della California, in cui era ambientata la serie – padre di otto ragazzini nella serie della ABCEight Is Enough‘ (‘Otto bastano’), diventato poi in Italia ‘La famiglia Bradford‘, andato in onda negli anni dal ’77 all’81.

La storia era basata sulla vita del giornalista Tom Braden, che aveva scritto il libro omonimo. Van Patten era apparso poi nel 1987 nel film basato sulla serie e nel 1989 nel film tv ‘An Eight Is Enough Wedding’ (Un matrimonio stile ‘Otto bastano’). Aveva poi ripreso il ruolo di Tom Bradford prestando la voce nella sitcom animata ‘Family Guy’ nel 1999.

Oggi le puntate della serie sono trasmesse da Iris, la rete tematica di Mediaset.

(Credit: Adnkronos) © RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


John Horsemoon

Sono uno pseudonimo e seguo sempre il mio dominus, del quale ho tutti i pregi e i difetti. Sportivo e non tifoso, pilota praticante(si fa per dire...), sempre osservante del codice: i maligni e i detrattori sostengono che sono un “dissidente” sui limiti di velocità. Una volta lo ero, oggi non più. Correre in gara dà sensazioni meravigliose, farlo su strada aperta alla circolazione è al contrario una plateale testimonianza di imbecillità. Sul “mio” giornale scrivo di sport in generale, di automobilismo e di motorsport, ma in fondo continuo a giocare anche io con le macchinine come un bambino.