Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Demi Lovato a nudo per Vanity Fair | HORSEMOON POST
CinemaIn Primo Piano

Demi Lovato a nudo per Vanity Fair

“Voglio mostrare il lato di me che è reale, liberato e libero”, ha detto l’attrice in una video intervista pubblicata sulla pagina del periodico in cui si mostra ‘libera’ da trucco e parrucco, anche come mamma l’ha fatta – VIDEO E GALLERIA FOTOGRAFICA

New York – “Senza trucco, senza vestiti, nessun ritocco”. Demi Lovato si è messa a nudo per l’edizione americana di Vanity Fair, spiegando perché ha accettato di posare nuda, senza trucco e acconciatura. La sua scelta nell’intervista e nel video anticipato nella pagina Youtube del periodico. “Voglio mostrare il lato di me che è reale, liberato e libero”, ha detto l’attrice.

“Che cosa significa essere sicuri? Significa lasciarsi andare, essere autentici“, ha dichiarato la star della Disney, testimoniando la sua lunga battaglia condotta prima di accettare il proprio corpo. “Se c’è una cosa che ho imparato – sottolinea – è che la vita è troppo breve“.

[slideshow_deploy id=’54612′]

“Quando penso alla fiducia, penso a molte cose e una di queste consiste nel sentirsi a proprio agio con sé stessi – ha osservato Lovato – Pensavo che ci fosse qualcosa di incredibile nell’idea di apparire senza trucco, senza vestiti e senza alcun ritocco”.

Lo shooting condiviso sui social del magazine hanno fatto il giro del mondo e la rete le ha premiate con un hashtag che è tutto un programma – #proudofyouDemi (#siamofieriditeDemi), entrato in breve tra i trend di Twitter.

(Credit: AdnKronos, Vanity Fair) © RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


Save the Children Italia Onlus