Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6085 TGV deragliato a Strasburgo, bilancio più grave: 10 morti e 32 feriti | HORSEMOON POST
EuropaEuropa-FranciaIn Primo Piano

TGV deragliato a Strasburgo, bilancio più grave: 10 morti e 32 feriti

Al momento escluso ogni collegamento con gli attacchi jihadisti di Parigi, ma la SNCF evita di dare spiegazioni, alimentando i sospetti

Strasburgo – Oggi pomeriggio un TGV di ‘prova’ è deragliato a Eckwersheim, nel Basso Reno, nei pressi di Strasburgo. Il treno si è incendiato dopo essere uscito dalle rotaie, nei pressi di un ponte. L’incidente si è verificato a una decina di chilometri a nord del capoluogo alsaziano.

Il bilancio aggiornato della prefettura locale è di 10 morti e di 32 feriti.

Al momento non è stato stabilito alcun collegamento con gli attacchi jihadisti avvenuti la scorsa notte a Parigi.

Sul posto si sono recate le squadre di soccorso dei Saverus Pompiers e della Gendarmeria. Secondo notizie di stampa locale, “il locomotore del treno è caduto nel canale Marna-Reno”, ma le cause non vengono spiegate.

Il ministro per l’Ambiente francese, Segolene Royal – citata dall’agenzia AGI – ha riferito che risulterebbero disperse cinque persone.

Il TGV sarebbe uscito dalle rotaie a causa dell’alta velocità, sfuggendo ai comandi dei macchinisti, in un tratto nuovo che dovrebbe essere inaugurato nell’aprile del 2016.

La SNCF ha confermato l’incidente, ma non ha fornito alcun dettaglio, alimentando i sospetti su fatto che potrebbe non trattarsi di incidente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


Save the Children Italia Onlus