Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Viaggiare sicuri: avvisi del 2 Luglio 2014 | HORSEMOON POST
EsteriIn Primo PianoViaggiare Sicuri

Viaggiare sicuri: avvisi del 2 Luglio 2014

 Avvisi di sicurezza redatti dall’Unità di Crisi del Ministero degli Esteri della Repubblica Italiana

20140701-logoViaggiareSicuri

 20140701-logounitadicrisi

20140701-mappamondo

Avvisi diffusi il 02.07.2014

Bosnia_and_Herzegovina Bosnia Erzegovina 

Dopo le recenti alluvioni che hanno colpito soprattutto la parte Nord Est del Paese, il livello dei fiumi sta scendendo in molte località. Sono ancora in corso in alcune aree le operazioni di rimozione dei detriti e disinfezione.

I centri maggiormente colpiti sono: Slavonski Brod, Bijelina, Domaljevac, Brcko, Odzak, Orasje, Samac, Tpocic Polje.  Si sono verificate numerose frane in alcune zone: Banovići, Čelić, Doboj East, Gradačac, Gračanica, Kalesija, Kakanj, Kladanj, Lukavac, Sapna, Srebrenik, Teočak, Tuzla, Živinice, Topcic Polje, Olovo e Bratunac.
La distribuzione idrica è stata ripristinata ma l’acqua non è potabile nelle aree di Odzak, Domaljevac, Orasje, Donji Zabari.
Si invitano, pertanto, i connazionali presenti nelle suddette zone a prestare la massima cautela anche per il rischio di epidemie la cui situazione però non è allarmante.
Nei pressi dei fiumi Bosna, Krivaja e Usora i centri di Doboj, Maglaj, Olovo, il Cantone di Una-Sana e la regione di Posavina sono aree sospette per la presenza di mine e UXO.
Per maggiori informazioni sulla viabilità si consiglia, inoltre, di consultare il sito: www.bihamk.ba. Il traffico e’ particolarmente ridotto sulle provinciali Maglaj-Doboj (M-17), Tarnovo-Brod e Dobro-Polje Miljevina (M-18), Simin Han-Kalesija (M-4), Tuzla-Bijeljina (M-18). E’ chiusa al traffico la (R-458) Lopare-Gornja Tuzla. In alcune zone è vietato il traffico ai mezzi pesanti e la viabilità è ridotta a causa dei lavori in corso; in alcuni tratti è aperta solo una corsia di marcia …(per leggere il comunicato integrale, clicca qui).

————————————————————————————————————————————————

Palestine

 Territori Palestinesi 

A seguito del ritrovamento, nei pressi di Hebron, dei corpi dei tre giovani israeliani rapiti il 12 giugno e in considerazione del possibile aumento della tensione nell’area, si raccomanda di evitare gli spostamenti non necessari in Cisgiordania e di esercitare comunque la massima cautela (evitando tutti gli  assembramenti e astenendosi dagli spostamenti notturni)  …(per leggere il comunicato integrale, clicca qui).


Thailand Thailandia 

In base alla nuova disciplina in materia di Immigrazione, dal 12 agosto 2014 non sarà più consentito utilizzare il sistema di uscire e rientrare dal Paese in giorni contigui per avere un nuovo visto di permanenza. I connazionali che intendano rimanere in Thailandia oltre i 30 giorni consentiti dal visto turistico devono regolarizzare la propria posizione con le competenti Autorità di immigrazione thailandese prima di entrare in Thailandia. 

Dal luglio 2014 e’ stata annunciata una rigida applicazione dei regolamenti in materia di importazione di prodotti esentasse (“duty free”) acquistati durante il viaggio di arrivo in Thailandia e non destinati ad un uso personale. Per tali beni (abiti, orologi, profumi, materiale fotografico e IT, etc.) vige un limite di 10.000 Baht (circa 230 Euro). Chi non rispettasse tale limite dovrà pagare la relativa tassa di importazione pena il sequestro dei beni e la denuncia presso l’Autorità giudiziaria competente …(per leggere il comunicato integrale, clicca qui).

————————————————————————————————————————————————

United_States Stati Uniti

Ingresso nel Paese

A seguito del crescente rischio di attentati e di atti terroristici, le Autorità americane hanno rafforzato i programmi di controllo alle frontiere sui viaggiatori in partenza e in arrivo dall’estero. Intensificati anche i controlli sui voli domestici.

Nei maggiori scali aeroportuali degli Stati Uniti sono stati introdotti per il controllo passeggeri veri e propri “body scanners”, sistemi accurati di controllo elettronico a bassa emissione di raggi X (per leggere il comunicato integrale, clicca qui).

Ultimo aggiornamento 2/07/2014, ore 20.20