Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Siria, primi voli di ricognizione degli Usa nelle aree in mano ai barbari jihadisti dell’ISIL | HORSEMOON POST
EsteriIn Primo Piano

Siria, primi voli di ricognizione degli Usa nelle aree in mano ai barbari jihadisti dell’ISIL

Secondo quanto riportato dall’emittente televisiva qatariota al-Jazeera, la sorveglianza aerea potrebbe presto aprire la strada a raid contro i jihadisti. Ieri l’apertura di Damasco a Obama: “Collaboriamo contro il terrorismo, ma dovete coordinarvi con noi”

20140826-sorveglianza-su-siria-655

Damasco – Gli Stati Uniti hanno iniziato i voli di ricognizione sulle aree della Siria in mano ai ribelli islamisti. Lo riporta l’emittente al-Jazeera, secondo la quale l’avvio dei voli di sorveglianza aeree potrebbe presto aprire la strada ai raid contro i jihadisti dello Stato Islamico (Is).

Una fonte ufficiale americana ha confermato l’avvio dei voli di ricognizione, mentre altre due fonti Usa, rimaste anonime perché non autorizzate a parlare con i media, hanno rivelato che il presidente Usa, Barack Obama, ha autorizzato queste operazioni.

Ieri il ministro siriano degli Esteri, Walid al-Muallim, ha annunciato che Damasco è pronta a collaborare con l’Occidente e con l’intera comunità internazionale per combattere il terrorismo. “Chiunque voglia coordinarsi e cooperare con noi – ha precisato il ministro parlando con i giornalisti a Damasco – dovrebbe prendere la questione sul serio e non con un doppio standard“. Il ministro ha infine precisato che ogni attacco alle postazioni dello Stato islamico e del Fronte al-Nusra in territorio siriano senza un preventivo coordinamento con le autorità di Damasco sarà visto come un’aggressione. una riflessione fondata in punta di diritto internazionale.

La corrispondente di al-Jazeera a Beirut ha spiegato che non è ancora chiaro se Washington ha concordato con le autorità siriane l’inizio dei voli di ricognizione. Secondo la giornalista, tuttavia, alcuni mediatori occidentali in segreto potrebbero già aver iniziato a discutere con Damasco come combattere l’Is.

(Fonte: Adnkronos)