Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Venezia/71. ‘La trattativa’ di Sabina Guzzanti strappa gli applausi al Lido di Venezia (trailer) | HORSEMOON POST
CinemaCulturaIn Primo Piano

Venezia/71. ‘La trattativa’ di Sabina Guzzanti strappa gli applausi al Lido di Venezia (trailer)

Buona accoglienza alla proiezione per la stampa per il film (fuori concorso) sulla cosiddetta “trattativa Stato-mafia”. In concorso ‘Le dernier coup de marteaù di Alix Delaporte e ‘Sivas‘ di Kaan Mujdeci. La versione restaurata di ‘La Cina è vicina’ di Marco Bellocchio, Premio Speciale della Giuria del 1967

20140903-venezia71-trattativa-655

Venezia – La proiezione per la stampa del film di Sabina Guzzanti ‘La trattativa’, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia fuori Concorso, è stata accolta da un lungo applauso. Tra il pubblico c’è stata anche qualche risata, in particolare quando la Guzzanti è comparsa sullo schermo nelle vesti di Berlusconi.

La pellicola è la ricostruzione della vicenda nota come ‘trattativa Stato-mafià, nei suoi risvolti di cronaca, politici e 20140903-sabina-guzzanti_320x240giudiziari, realizzata ispirandosi al modello, richiamato dalla stessa regista, del cortometraggio di Elio Petri ‘Tre ipotesi sulla morte di Giuseppe Pinellì (1971). Nel film gli attori interpretano tutti più parti, compresa la stessa Guzzanti che riveste, fra l’altro, i panni della narratrice.

In concorso, invece, approdano al Lido ‘Le dernier coup de marteaù della regista francese Alix Delaporte, con Romain Paul, Clotilde Hesme, Grégory Gadebois, Candela Pena e Tristan Ulloa, nel quale un ragazzo, che vive con la madre in una comunità della Camargue, ritrova inaspettatamente il padre mai conosciuto, e ‘Sivas’, primo lungometraggio di finzione del regista turco Kaan Mujdec, con Dogan Dogan Izci, Ezgi Ergin, Hasan Ozdemir e Furkan Uyar, ambientato in un villaggio in Anatolia dove la pratica di organizzare combattimenti tra cani è molto diffusa, un ragazzino non può fare a meno di affezionarsi e prendersi cura di uno di questi.

Torna infine al Lido, per Venezia Classici – Restauri, ‘La Cina è vicina’ di Marco Bellocchio. Il film che incantò la Mostra del Cinema nel 1967, vincendo il Premio Speciale della Giuria, viene proposto in una nuova versione restaurata da Sony Pictures Entertainment e Cineteca di Bologna, accompagnata alla Mostra dal regista stesso che dallo scorso marzo riveste anche la carica di presidente della Cineteca di Bologna.

(Adnkronos)

Il trailer ufficiale de “La trattativa”