EsteriIn Primo Piano

Iraq, i jihadisti dell’ISIL tengono in ostaggio un centinaio di bambini nell’orfanotrofio di Mosul

Circa 45 bambini della minoranza degli yazidi e una cinquantina di sciiti sono trattenuti nell’istituto di Dar al-Baraim nel quartiere di Zuhir. Oltre 700 persone rapite dopo la conquista di Falluja: esecuzioni sommarie e torture

20140906-isil-jihadists-655x436

Baghdad – Circa un centinaio di bambini sono tenuti in ostaggio dai miliziani dello Stato islamico (Is) in un orfanotrofio di Mosul. Lo riferiscono fonti interne alla città al sito di informazione curdo Rudaw, spiegando che circa 45 bambini della minoranza degli yazidi e una cinquantina di confessione sciita sono tenuti in ostaggio nell’istituto di Dar al-Baraim nel quartiere di Zuhir.

Una delle fonti ha spiegato – a condizione di mantenere l’anonimato – che jihadisti dello Stato Islamico dell’Iraq e del Levante hanno portato i bambini yazidi e sciiti nell’orfanotrofio dopo aver preso il controllo della città di Talafar a giugno e di quella di Shingal ad agosto. ”Il luogo viene sorvegliato attentamente da sei miliziani dell’Isil”, ha aggiunto la fonte. Prima dell’arrivo dei miliziani islamisti, che hanno conquistato Mosul a giugno, l’orfanotrofio era guidato da cinque donne. Di fatto l’istituto è una specie di luogo di concentramento per questi bimbi, destinati alla conversione forzata e a essere inquadrati nelle milizie combattenti jihadiste contro gli infedeli: (anche) noi!

Intanto, oltre 700 persone sono state rapite dai jihadisti islamici,  dopo la conquista di Falluja. Lo ha rivelato il Consiglio Provinciale di al-Anbar nell’Iraq occidentale, spiegando che tra i rapiti ci sono impiegati civili e membri delle forze di sicurezza. ”Lo Stato Islamico ha preso di mira tutti gli impiegati civili dei dipartimenti di governo a Falluja“, ha detto l’esponente dell’Amministrazione di Falluja, Hamid al-Alwani, al sito di ‘Shafaq News’. Al-Alwani ha poi aggiunto che “lo Stato Islamico ha gettato i corpi di molte persone di Falluja nel fiume Eufrate dopo averli torturati perché si opponevano alla presenza delle bande dei jihadisti” in città.

(Adnkronos)