Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 “Il capitale umano” di Paolo Virzì è il film italiano candidato all’Oscar | HORSEMOON POST
CinemaIn Primo Piano

“Il capitale umano” di Paolo Virzì è il film italiano candidato all’Oscar

Rappresenterà il cinema tricolore come miglior film non in lingua inglese. Ha prevalso su ‘Anime nere’ di Francesco Munzi e ‘Le meraviglie’ di Alice Rohrwacher. La Commissione: “Quest’anno è stato particolarmente difficile scegliere una sola pellicola, c’era una terna eccezionale”

20140924-foto-il-capitale-umano-655

Roma – “Il capitale umano” di Paolo Virzì è il film italiano candidato all’Oscar. “La Commissione di Selezione per il film italiano da candidare all’Oscar istituita dall’Anica – si legge in una nota – su invito della Academy of Motion Picture Arts and Sciences, riunita davanti a un notaio e composta da Gianni Amelio, Tommaso Arrighi, Angelo Barbagallo, Nicola Borrelli, Caterina D’Amico, Maria Pia Fusco, Barbara Salabè, Gabriele Salvatores e Niccolò Vivarelli, ha designato ‘Il capitale umano’ di Paolo Virzì a rappresentare il cinema italiano alla selezione del Premio Oscar per il miglior film in lingua non inglese.

“Quest’anno è stato particolarmente difficile scegliere un solo film per rappresentare il nostro paese agli Oscar – hanno dichiarato i componenti della Commissione – perché abbiamo amato e ci sentivamo rappresentati da molti dei film iscritti. La commissione ha individuato una terna di film eccezionali composta da ‘Anime nere’, ‘Le meraviglie’ e ‘Il capitale umano’, che ha poi prevalso sugli altri”.

“Ringrazio tutti e sono molto onorato”, il regista Paolo Virzì ha dichiarato a caldo. “È una grande responsabilità quella di rappresentare il nostro paese in un momento così complicato e così vivo del nostro cinema”, ha spiegato.

(fonte: agenzie)