Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Tragedia a Vicenza: muore bimba di 17 mesi ‘dimenticata’ in auto | HORSEMOON POST
In Primo PianoVeneto

Tragedia a Vicenza: muore bimba di 17 mesi ‘dimenticata’ in auto

Disposta l’autopsia, i genitori indagati per omicidio colposo: erano convinti che se ne occupassero i quattro fratelli (e viceversa)

20150316-polizia-stato-zen-655x436


Vicenza – Tragedia a Vicenza dove una bambina di 17 mesi è morta perché dimenticata in auto dai genitori. I genitori, originari della Costa d’Avorio, sono indagati per omicidio colposo. Sul caso indaga la Squadra Mobile di Vicenza su mandato della Procura.

Da una prima ricostruzione della Polizia di Stato, i genitori, insieme alla bimba e ad altri due figli, erano usciti in auto per andare a messa e a fare dei giri in centro. Tornati a casa, hanno parcheggiato la vettura nel parcheggio vicino all’abitazione e sono scesi tutti dall’auto. Forse distratti per essersi messi a conversare con un vicino, i due non si sono resi conto che, mentre gli altri due figli erano scesi dall’auto, la terza bimba era rimasta sul seggiolino.

Solo alcune ore dopo, la coppia si è resa conto che la piccola non fosse a casa. Inutile la corsa verso l’auto parcheggiata e l’allarme lanciato al 118: i sanitari, intervenuti sul posto, hanno provato a rianimare la piccola, ma non c’è stato nulla fare. 

È stata disposta l’autopsia sul corpo della bimba, morta probabilmente per un colpo di calore.

(Credit: Adnkronos)

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.