Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6085 Alzheimer, scoperto possibile contagio da ormone della crescita | HORSEMOON POST
In Primo PianoSalute

Alzheimer, scoperto possibile contagio da ormone della crescita

A lanciare la terribile ipotesi del contagio è stato uno studio dell’University College di Londra, pubblicato sulla rivista ‘Nature
20140716-alzheimer-erba-655x464



Londra – È possibile che il morbo d’Alzheimer possa esser stato trasmesso in seguito alla somministrazione dell’ormone della crescita contaminato dalle proteina responsabili della malattia neurodegenerativa. A lanciare la terribile ipotesi del contagio è stato uno studio dell’University College di Londra, pubblicato sulla rivista ‘Nature‘.

I ricercatori hanno analizzato il cervello di otto pazienti deceduti per la malattia di Creutzfeldt-Jakob (Cjd), la cui variante è nota come “morbo della mucca pazza“. Tutti i pazienti erano stati trattati con l’ormone della crescita estratto dall’ipofisi di persone decedute e contaminato con i prioni, cioé le proteine, responsabili della malattia.

Ebbene, nel cervello e nelle pareti dei vasi sanguigni è stata rilevata la presenza di placche della proteina beta-amiloide, uno dei segni tipici dell’Alzheimer. Da qui l’ipotesi che le ipofisi dalle quali era stato estratto l’ormone della crescita fossero state contaminate anche con tracce di proteina beta-amiloide e che queste possano aver prodotto nel cervello le placche tipiche dell’Alzheimer.

Sono necessarie ulteriori ricerche – ha precisato subito Natureper comprendere meglio il meccanismo coinvolto: sembra probabile che, così come i prioni, la ghiandola pituitaria possa contenere anche i semi delle beta-amiloidi che hanno causato la patologia osservata“.

(AGI)

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


Save the Children Italia Onlus