Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Venezia 2015: Leone d’Oro a Desde allà, Valeria Golino conquista la seconda Coppa Volpi in carriera | HORSEMOON POST
CinemaIn Primo Piano

Venezia 2015: Leone d’Oro a Desde allà, Valeria Golino conquista la seconda Coppa Volpi in carriera

Lorenzo Vigas conquista il premio più prestigioso della Mostra, a El Clan di Pablo Trapero il Leone d’Argento per la regia


 

VeneziaDesde

Venezia – Con una cerimonia di chiusura cominciata alle 19, in Sala Grande, è calato il sipario anche sulla 72ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica che ha visto il trionfo di Lorenzo Vigas e del suo Desde allà, co-produzione tra Venezuela e Messico, capace di portare a casa il prestigioso Leone d’Oro.

Il Leone d’Argento alla miglior regia, consegnato da Lynne Ramsay e Nuri Bilge Ceylan, è andato a El Clan di Pablo Trapero mentre Charlie Kaufman e Duke Johnson hanno ottenuto il Gran Premio della Giuria per il loro film d’animazione in stop-motion Anomalisa.

Per la categoria riguardante gli attori, la Coppa Volpi femminile, come da previsione, è andata alla nostra Valeria Golino per la sua interpretazione in Per Amor Vostro di Giuseppe Gaudino; la Golino bissa in questo modo il successo ottenuto quasi trent’anni fa, nel 1986, per Storia d’amore. La Coppa Volpi maschile è andata, invece, a Fabrice Luchini per la sua magistrale interpretazione ne L’hermine di Christian Vincent; non presente in sala, Luchini ha comunque mandato un messaggio video di ringraziamento alla Mostra.  

VeneziaCoppaGolino

Il Premio Speciale della Giuria è stato consegnato a Emin Alper per il suo Abluka (Frenzy). Emmanuel Carrère ha consegnato il premio per la miglior sceneggiatura nelle mani del connazionale Christian Vincent per lo script de L’hermine. Successivamente Elizabeth Banks ha consegnato il premio Marcello Mastroianni al giovanissimo attore emergente Abraham Attah per la sua interpretazione in Beasts of No Nation di Cary Fukunaga.

Nella sezione Orizzonti  ha prevalso Free in Deed di Jake Mahaffy che ha ricevuto il riconoscimento direttamente dalle mani della regista e sceneggiatrice francese Alix Delaporte. Tra gli attori, anche quest’anno il premio è andato a un’interpretazione maschile, nella fattispecie a Dominique Leborn per Tempête. Il miglior cortometraggio è stato quello di Dubravka Turić, dal titolo Belladonna.

Per la stessa categoria, il premio speciale della giuria è andato a Boi Neon (Neon Bull) di Gabriel Mascaro.

Saverio Costanzo, in qualità di presidente della giuria Premio Venezia Opera Prima, ha assegnato il Leone del Futuro, Premio Luigi De Laurentiis, all’opera prima Childhood of a Leader di Brady Corbet, che vanta nel suo cast nomi come Robert Pattinson e Berenice Bejo. Corbet porta a casa, poi, anche il premio Orizzonti per la miglior regia.  

Di seguito l’elenco di tutti i premi della Mostra di Venezia:

  • Leone d’Oro: Desde allà di Lorenzo Vigas
  • Leone d’Argento per la miglior regia: Pablo Trapero per El Clan
  • Gran Premio della Giuria: Anomalisa di Charlie Kaufman e Duke Johnson
  • Coppa Volpi maschile: Fabrice Luchini per L’hermine
  • Coppa Volpi femminile: Valeria Golino per Per amor vostro
  • Premio Marcello Mastroianni al miglior attore emergente: Abraham Attah per Beasts of No Nation
  • Premio per la miglior sceneggiatura: Christian Vincent per L’hermine
  • Premio Speciale della Giuria: Abluka (Frenzy) di Emin Alper
  • Leone del Futuro, Premio Luigi De Laurentiis per un’opera prima: TheChildhood of a Leader di Brady Corbet
  • Premio Orizzonti – miglior film: Free in Deed di Jake Mahaffy
  • Premio Orizzonti – miglior regia: Brady Corbet per Childhood of a Leader
  • Premio Speciale della giuria Orizzonti: Boi Neon (Neon Bull) di Gabriel Mascaro
  • Premio Orizzonti – migliore attore: Dominique Leborne per Tempête
  • Premio Orizzonti – miglior cortometraggio: Belladonna di Dubravka Turić
  • Premio Venezia Classici – miglior documentario sul cinema: The 1000 Eyes of Dr. Maddin di Yves Montmayeur
  • Premio Venezia Classici – miglior film restaurato: Salò o le 120 giornate di Sodoma di Pier Paolo Pasolini
  • Leone d’Oro alla carriera: Bertrand Tavernier

Il trailer del film vincitore del Leone d’Oro, Desde allà:

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


Save the Children Italia Onlus