Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Putin ha incontrato a Sochi il principe ereditario di Abu Dhabi per discutere di Siria | HORSEMOON POST
Esteri

Putin ha incontrato a Sochi il principe ereditario di Abu Dhabi per discutere di Siria

Presenti nella città sul Mar Nero per assistere al GP di Formula 1, il presidente russo e il delfino dell’emirato hanno discusso più in generale di Medio Oriente e di sicurezza nella regione


Sochi – Il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato a Sochi il principe ereditario di Abu Dhabi Mohammed Bin Zayed al-Nahyan per discutere di sicurezza in Medio Oriente e della guerra civile siriana. 

L’incontro tra le due personalità è al momento il contatto tenuto al più alto livello tra il Cremlino e un leader politico dei Paesi del Golfo Arabo da quando la Russia ha avviato l’intervento militare aereo e missilistico per rispondere alla richiesta di aiuto del governo legitttimo della Siria contro le minacce perpetrare dai jihadisti del sedicente Stato Islamico dell’Iraq e della Siria.

Secondo quanto riporta al-Arabiya, il presidente Putin avrebbe colto “con favore l’opportunità di parlare della situazione nella regione” con il principe ereditario di Abu Dhabi, soprattutto “alla luce dei recenti atti terroristici in Turchia“.

L’incontro è avvenuto a margine del Gran Premio di Russia di Formula 1, corso oggi sul circuito semi-permanente della nota località turistica nel Mar Nero.

(Credit: al-Arabiya, AP) © RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


Save the Children Italia Onlus