DifesaGuerra al jihadIn Primo Piano

Antiterrorismo, arrestati all’aeroporto di Catania due maliani con documenti falsi

I due cittadini originari del Mali avevano passaporti regolari, ma permessi di soggiorno contraffatti, che hanno dichiarato di aver acquistato a Napoli. Entrambi stavano per imbarcarsi su un aereo per Malta. Nei giorni scorsi arrestati anche un siriano minorenne e un albanese con documenti falsi

Catania – Gli attacchi jihadisti di Parigi del 13 Novembre scorso hanno impresso un’accelerazione al contrasto delle potenziali infiltrazioni islamiste in Europa, con conseguente restringimento delle maglie dei controlli.

Venerdì 20 Novembre, ma la notizia è emersa solo il giorno successivo, agenti della Polizia di Stato in servizio presso l’aeroporto ‘Vincenzo Bellini’ ha tratto in arresto due cittadini del Mali per il reato di possesso e fabbricazione di atto falso e di uso di permesso di soggiorno contraffatto.

Durante la normale attività di controllo presso lo scalo etneo, agenti della Polizia di Frontiera procedevano alla verifica dei documenti dei due cittadini nati in Mali, Keita Chiaka, 25 anni, e Samake Beyake, 28 anni, che si trovavano nella zona arrivi, in attesa si imbarcarsi su un volo per Malta.

I due esibivano passaporti maliani autentici, ma anche carte di identità e permessi di soggiorno che agli agenti sembravano subito avere qualche elemento di irregolarità. Così, i due uomini venivano trattenuti, in attesa che si comprendesse se i documenti fossero contraffatti. E in effetti, a seguito dell’approfondimento emergeva che i permessi di soggiorno fossero contraffatti.

I due cittadini africani però venivano interrogati dal personale della Polizia di Stato e alla fine cedevano alle domande dei poliziotti, ammettendo che i permessi di soggiorno fossero stati acquistati a Napoli, in piazza Garibaldi, nei pressi della Stazione.

A quel punto, espletate le formalità di rito, i due venivano portati in Questura in stato di fermo e messi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, che nelle prossime ore li sottoporrà a processo per direttissima.

Nei giorni precedenti, sempre all’aeroporto di Catania, erano già stati arrestati un cittadino siriano minorenne e un cittadino albanese, Hasanaj Erol (30), entrambi trovati in possesso di documenti falsi, in partenza per Malta e per Manchester.

(Nella foto da sinistra Keita e Beyake) © RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.


Save the Children Italia Onlus