Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Globi d’Oro 2014: “Il capitale umano” convince anche la stampa estera | HORSEMOON POST
CinemaCultura

Globi d’Oro 2014: “Il capitale umano” convince anche la stampa estera

La stampa straniera si è espressa sul nostro cinema con la 54ª edizione dei Globi d’Oro

20140613-

Dopo i David di Donatello, è il turno dei Globi d’Oro, in cui il giudice è rappresentato dalla stampa estera e ancora una volta “Il capitale umano” ha battuto la concorrenza ed è andato a conquistare il premio come miglior film; la pellicola di Paolo Virzì diventa seriamente il nostro candidato più forte per le selezioni del miglior film straniero alla prossima edizione dei premi Oscar. 

Gran Premio assegnato a “In grazia di Dio” di Edoardo Winspeare mentre “Zoran, il mio nipote scemo” batte Pif (il quale però può gioire del premio alla miglior sceneggiatura) nella corsa a miglior opera prima; l’apprezzatissimo esordio di Sydney Sibilia, “Smetto quando voglio” ha ottenuto invece il premio come miglior commedia. 

Più di una sorpresa nelle categorie attoriali, in cui Antonio Albanese svetta su tutti gli altri per la sua interpretazione ne “L’intrepido” di Gianni Amelio; Sara Serraiocco è la migliore attrice grazie alla performance in “Salvo”. Dopo la vittoria ai David, Pivio e Aldo De Scalzi trionfano anche ai Globi per le musiche di “Song ‘e Napule”.

Claudia Cardinale, madrina della serata, è stata celebrata con il Globo d’Oro alla carriera, così come un ricordo speciale è andato a Carlo Mazzacurati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tutti i premi: 

Miglior film: Il capitale umano, di Paolo Virzì

Gran Premio: In grazia di Dio, di Edoardo Winspeare

Miglior opera prima: Zoran, il mio nipote scemo, di Matteo Oleotto

Miglior commedia: Smetto quando voglio, di Sydney Sibilia

Miglior attore: Antonio Albanese per L’intrepido

Miglior attrice: Sara Serraiocco per Salvo

Miglior fotografia: Stefano Falivene per Still Life

Miglior sceneggiatura: Pierfrancesco Diliberto (Pif), Michele Astori, Marco Martani per La mafia uccide solo d’estate

Migliori musiche: Pivio e Aldo De Scalzi per Song ‘e Napule

Miglior documentario: The Stone River, di Giovanni Donfrancesco

Miglior cortometraggio: Sassywood, di Antonio Andrisani e Vito Cea