Strage Borsellino 22 anni fa. Le testimonianze di Lucia e Manfredi Borsellino nell’anniversario dell’attentato di via D’Amelio

Parlano i figli del magistrato ucciso insieme ai cinque uomini della scorta: “Nome che porto è più un peso che un onore”. Grasso: “L’accettazione del pericolo connaturato al lavoro che svolgeva: questa la più grande lezione di Paolo. Manfredi Borsellino: “Non riesco a parlarne al passato”. Scarpinato: “è un mosaico in cui mancano troppe tessere”

20140719-paolo-borsellino-focus-655x436

Palermo – Giornata di commemorazioni a Palermo in occasione del ventiduesimo anniversario della strage di via D’Amelio, in cui morirono Paolo Borsellino e cinque agenti della scorta. /FOTO .

“Lancio da qui un appello a tutte le istituzioni perché si faccia luce su quanto è accaduto in via D’Amelio”, ha detto Lucia Borsellino, figlia del giudice, prima di lasciare la caserma Lungaro di Palermo dove sono state ricordate, con una messa, le vittime della strage.

“Non lo dico da figlia – ha spiegato – ma da cittadina, perché è un diritto e un dovere di tutti collaborare. Soprattutto per le nuove generazioni, sono mamma di due bambini che conoscono solo una parte della storia ma vorrei che conoscessero anche l’altra parte, quella che fa piu’ male”. Cosi’

“A ventidue anni di distanza dalla strage di Via D’Amelio la presenza di mio padre è ancora viva, la presenza dell’uomo prima che del magistrato, perché abbiamo avuto un padre meraviglioso, molto presente, che ci è bastato per farci andare avanti sereni. Una serenità che, devo ammettere, sul piano personale non ho più recuperato e che credo non recupererò mai, perché in certi momenti il nome che portiamo è più un peso che non un onore. E lo dico con estrema consapevolezza”. Lucia Borsellino per la prima volta rompe il tradizionale silenzio che l’ha sempre contraddistinta, dalla strage di 22 anni fa. “Il nostro non è un silenzio fine a se stesso – dice a margine della messa dedicata alle vittime di mafia alla caserma Lungaro di Palermo alla presenza del Capo della Polizia, Alessandro Pansa – ma è un silenzio che vuole parlare, perché la nostra è una responsabilità quotidiana. E’ il modo con cui i nostri gentori avrebbero voluto che noi continuassimo ad alimentare quei valori che ci hanno nutrito, cioé fare la vita di ogni giorno con senso di responsabilità e senza riflettori”. Poi, Lucia Borsellino, parlando ancora della strage in cui morirono il padre e cinque agenti della scorta, ha detto: “Vorrei che ci fosse una maggiore consapevolezza collettiva su quello che è accaduto il 19 luglio del 1992 e in quegli anni, perché c’è stata una vera e propria guerra e molte persone hanno agito in estrema indifferenza”.

Grasso – “Quando penso a Paolo Borsellino la mia mente si perde in un caleidoscopio di emozioni, pensieri, ricordi, frammenti di vita vissuti assieme: i suoi consigli, il sostegno umano e professionale, la sua brillante intelligenza, quel sorriso in grado di sciogliere la tensione dei momenti più difficili. Paolo era una persona semplice, ironica, estroversa: ricordo le sue fughe dalla scorta, l’aspirazione di vivere una vita normale, di poter fare quello che tutti quanti fanno, in quei pochi attimi di libertà e di evasione dalla vita blindata cui era costretto. Amava le cose semplici, era animato da una passione viscerale per il proprio lavoro e da un insopprimibile desiderio di giustizia”. E quanto scrive il presidente del Senato Pietro Grasso sul suo profilo Facebook.

“Credeva nei giovani, sentiva l’approvazione dei siciliani e questo -prosegue Grasso- gli dava la forza di andare avanti, sempre, a qualunque costo. Quando Giovanni Falcone fu ucciso dalla mafia si assunse la responsabilità di raccoglierne la pensante e pericolosa eredità professionale. Paolo era consapevole di ciò che gli sarebbe accaduto ma non ebbe mai paura e andò avanti, con tutto se stesso. Non era segno di incoscienza ma l’accettazione del pericolo connaturato al lavoro che svolgeva: questa la sua più grande lezione.

Ieri Manfredi Borsellino, funzionario superiore della Polizia di Stato, ha dato la sua toccante testimonianza nel corso di un incontro di commemorazione tenuto al Palazzo di giustizia di Palermo. “Parlare di mio padre per me è estremamente difficile, mi sono anche risposto del perché fosse così difficile. L’unica vera ragione per la quale non riesco, dopo 22 anni, a parlare di lui è che non riesco materialmente a coniugare il suo verbo al passato“. Poi è scoppiato in un pianto a dirotto dopo avere pronunciato queste parole.

Manfredi ha più volte dovuto interrompere il suo intervento per la commozione. “Vorrei che tutti sapessero che per me la bomba esplosa in via D’Amelio è troppo vicina, nonostante siano trascorsi 22 anni – ha detto – come se mio padre fosse morto l’altro ieri, non si può pretendere il ricordo di un figlio quando ancora il cadavere è caldo, e siccome avverto ancora forte la presenza di mio padre non riesco a parlarne con distacco”. Manfredi ha poi ricordato “il suo umorismo e le sue battute e il modo dissacrante di prendere la vita. Spero che ancora per moltissimo tempo alberghi in questo Tribunale quel sorriso di mio padre”.

Dei misteri sulla strage di via D’Amelio ha parlato invece il Procuratore generale di Palermo Roberto Scarpinato. “A tutt’oggi, nonostante la celebrazione di 4 processi, è un mosaico nel quale mancano ancora tessere determinanti perché sia possibile ricostruire un’immagine finale nitida. Ancora oggi non sappiamo quale fu il motivo che determinò la brusca accelerazione alla strage che colse di sorpresa anche molti boss – ha detto – fu una esecuzione autolesionistica”.

Scarpinato, commentando poi le parole di Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo che ha parlato di avvoltoi alle clebrazioni in via D’Amelio ha ricordato come questa è “una cosa che negli anni passati più volte i familiari delle vittime hanno detto, in modo più o meno palese. Lo ha detto anche Alfredo Morvillo, come anche i familiari di alcuni agenti delle scorte che sono stati uccisi dalla mafia. Evidentemente c’è un sentimento da parte di chi ha subito queste perdite che va preso in considerazione e sul quale è il caso di riflettere. Del resto anche io in passato ho fatto cenno a queste presenze ingombranti…”.

(Fonte: Adnkronos)

Un pensiero riguardo “Strage Borsellino 22 anni fa. Le testimonianze di Lucia e Manfredi Borsellino nell’anniversario dell’attentato di via D’Amelio

  • 23/07/2014 in 19:48:27
    Permalink

    vegono ancora i brividi pensando a quella azione fuori da qualsiasi possibilita di essere aggettivata,ma per molti e solo un evento passato.questi uomini hanno creduto e sono morti per tutelare un bene comune,ma troppo poca gente se ne e accorta,perche trpppa poca gente e capace di pensare in grande.

I commenti sono chiusi