Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Marche, ebola, test negativo: la donna ricoverata ad Ancona ha malaria | HORSEMOON POST
In Primo PianoMarcheRegioni

Marche, ebola, test negativo: la donna ricoverata ad Ancona ha malaria

I risultati delle analisi hanno confermato la negatività per il virus dela febbre emorragica. Gestione del caso dilettantesca e superficiale

20140910-marche-ebola-virus-655x436

Ancona – La direzione della “Divisione di malattie infettive emergenti” della Azienda Ospedali Riuniti di Ancona, ha comunicato la negatività del test per virus Ebola eseguita presso l’Istituto Spallanzani di Roma relativo alla paziente ricoverata in mattinata per sintomi e anamnesi compatibile con sospetto caso di malattia da virus Ebola. È invece confermata la diagnosi di malaria, malattia per la quale la donna nigeriana continua a essere ricoverata per le terapie necessarie.

Le procedure rigorose per la gestione di casi sospetti, adottate nella Regione Marche sulla base delle indicazioni internazionali e del ministero della Salute, hanno funzionato bene e sarà cura della Regione e di tutte le strutture del Servizio sanitario regionale mantenere questo livello di controllo anche nel prossimo futuro – ha dichiarato l’assessore regionale alla Salute, Almerino Mezzolani – i dati diffusi dalla Organizzazione mondiale della sanità anche ieri, indicano, infatti, che nei paesi dell’Africa Occidentale colpiti, la epidemia continua a segnalare una fase di crescita. Ciò indica che esiste il rischio, seppur al momento modesto, di registrare, nel nostro Paese, singoli casi di malattia in persone provenienti dai territori colpiti“.

Come Regione Marche siamo sollevati per lo scongiurato pericolo e soddisfatti per aver dato prova, sul campo, di efficienza e tempestività, come richiesto dai protocolli. Continueremo a tenera alta la guardia per affrontare ogni emergenza e contrastare ogni pericolo“.

Ci sarebbe da aggiungere che tutto il processo di informazione di questo sospetto caso di ebola – poi rivelatosi non tale – avrebbe dovuto essere trattato in un’altra maniera, probabilmente lanciando l’allarme solo nel momento in cui fosse stata verificata la reale sussistenza del caso. Una gestione superficiale e dilettantesca, intollerabile nel mondo odierno interconnesso in tempo reale, in cui di fronte a uno starnuto a Tokyo ci si soffia il naso a New York. 

(Fonte: TMNews)