Deprecated: Hook custom_css_loaded is deprecated since version jetpack-13.5! Use WordPress Custom CSS instead. Jetpack non supporta più il CSS personalizzato. Leggi la documentazione WordPress.org per scoprire come applicare gli stili personalizzati al tuo sito: https://wordpress.org/documentation/article/styles-overview/#applying-custom-css in /customers/8/8/d/horsemoonpost.com/httpd.www/newsite/wp-includes/functions.php on line 6078 Ginevra 2018, Rolls Royce svelerà il primo SUV col nome di un diamante: Cullinan | HORSEMOON POST
Motori

Ginevra 2018, Rolls Royce svelerà il primo SUV col nome di un diamante: Cullinan

Il costruttore britannico, dal 2003 facente parte del gruppo BMW, presenterà in prima mondiale il primo modello SUV della storia della casa, fondata il 15 Marzo 1906 da Charles Stewart Rolls ed Henry Royce. Sarà basata sul pianale della nuova Phantom

Ginevra – Anche Rolls Royce, prestigiosa casa automobilistica britannica, cede alle ‘richieste’ del mercato e alle mode. All’88° Salone dell’Auto di Ginevra svelerà il primo SUV (Sport Utility Vehicle) della propria storia, costruito sul pianale della nuova Phantom.

Cullinan, questo il nome dell’auto, denominazione che evoca esclusività come il più grande diamante grezzo rinvenuto al mondo. Il Cullinan, detto anche “Stella d’Africa”, prende il nome da Sir Thomas Cullinan, proprietario della miniera di diamanti in Sudafrica in cui fu trovata nel 1869. Il Cullinan fu tagliato in più damanti, la maggior parte dei quali appartiene alla Corona di Sua Maestà britannica.

Per il primo SUV della propria ultracentenaria storia, Rolls-Royce adotterà per Cullinan una nuovo pianale modulare in alluminio, con sospensioni di nuova generazione e un motore abbinato a una trasmissione a trazione integrale, anche questa una novità per la prima volta presente su un’auto di Derby.

Ammesso e non concesso che questi esemplari possano chiamarsi automobili e non gioielli semoventi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se hai gradito questo articolo, clicca per favoreMi piacesulla pagina Facebook di The Horsemoon Post (raggiungibile qui), dove potrai commentare e suggerirci ulteriori approfondimenti. Puoi seguirci anche su Twitter (qui) Grazie.