La copertina di Crozza a ‘diMartedì’ del 10 Marzo 2015: riforme istituzionali e la farsa della “democratura”

Questa sera a ‘diMartedì’ Maurizio Crozza nella copertina che apre il programma condotto da Giovanni Floris ha vestito i panni

Leggi il seguito

Le riforme costituzionali del PD, un inedito pericoloso. Renzi: “Abbraccio gufi e sorci verdi”

Il via libera dopo una maratona notturna in un’Aula semivuota per l’assenza delle opposizioni. Il presidente del Consiglio: “Il risultato

Leggi il seguito

Maria Elena Boschi, le vertigini del potere, l’Allegra Brigata dei Martiri della Leopolda e le riforme costituzionali

La sfuriata della Signorina Maria Elena Boschi al Senato è stata fuori luogo, infondata, un azzardo costituzionale, perché il tono

Leggi il seguito

Riforme, nel Pd è scontro totale. Renzi, non lascio il Paese a Mineo. Boschi: abbiamo il 41%…

Nella querelle nata dall’epurazione di Corradino Mineo e di Vannino Chiti dalla Commissione Affari Costituzionali del Senato sono intervenute varie

Leggi il seguito

Boschi sulle riforme: “la maggioranza ha i numeri anche senza Forza Italia”

Il ministro per le riforme costituzionali a SkyTg24: “Scommetto sulla tenuta dell’accordo con FI”, ma mette in chiaro che “non ci sono margini di trattativa” sui punti cardine della riforma del Senato. Poi rivendica: finora “il governo ha mantenuto tutti gli impegni”. Ieri Berlusconi aveva osservato che “così come è stata presentata è indigeribile”, ma poi con una nota ufficiale di partito aveva precisato di restare “fedele al patto del Nazareno” a partire dalla “fine del bicameralismo” e “di quella degli indennizzi dei componenti di quella Camera”

Leggi il seguito

L’abolizione (fasulla) delle province mostra il volto pataccaro di questo Governo

I centri di spesa (spesso illecita) non sono le province, ma le Regioni, che andavano abolite e invece si ritroveranno protagoniste di un centralismo condiviso con lo Stato. Non si aboliscono le province, ma le si trasformano in enti locali di secondo grado, che influiranno sulla costituzione del Senato modellato dalla riforma costituzionale Renzi-Boschi. Una mossa a favore delle sinistre, più attive in periferia, per questioni storiche

Leggi il seguito

Su riforme e legge elettorale Napolitano, Letta, Governo e Parlamento sono al limite dell’attentato alla Costituzione

La sentenza della Corte Costituzionale ha dato una prospettiva molto limitata a questo Parlamento e al Governo che esprime, ma il presidente della Repubblica, il capo del Governo, l’intero Esecutivo e la maggior parte del Parlamento agiscono come se nulla fosse. Il Movimento 5 Stelle è un partito “terrorista”: mette terrore la presa che ha sui cittadini la propensione a dire “pane al pane, vino al vino”. Malgrado mille perplessità…

Leggi il seguito