Elisabetta II a Westminster: un ‘Queen’s Speech’ di sapore thatcheriano. Stretta su immigrazione ed estremismo

“Referendum su Ue entro il 2017 e stretta su immigrazione”. Potranno votare i cittadini britannici, irlandesi e del Commonwealth maggiorenni

Leggi il seguito

Riforme, nel Pd è scontro totale. Renzi, non lascio il Paese a Mineo. Boschi: abbiamo il 41%…

Nella querelle nata dall’epurazione di Corradino Mineo e di Vannino Chiti dalla Commissione Affari Costituzionali del Senato sono intervenute varie

Leggi il seguito

Volano gli stracci in casa Pd dopo il caso Mineo, tredici senatori si autosospendono

La decisione per protesta in seguito alla sostituzione dell’ex direttore di Rai News 24 e di Chiti nella commissione Affari

Leggi il seguito

Sabato del Villaggio. Renzi, Berlusconi e Grillo: torti e ragioni, speranze e illusioni

Renzi e Berlusconi hanno ragione pure avendo torno e Grillo ha torto pur avendo ragione. L’accordo tra PD e FI è il succedaneo italiano per affrontare lo “stato di eccezione”, non previsto dalla Costituzione del 1948. In Francia è regolato dall’Articolo 16 della Costituzione. Grillo dovrebbe premere per il cambiamento, ma con realismo costruttivo, non con idealismo destrutturato e distruttivo, perché si negozia con gli avversari (eletti dagli italiani, particolare non trascurabile…)

Leggi il seguito

Dalla Cina con stupore. Abolizione dei Laojiao e mitigazione della politica del figlio unico

Contrariamente alle prime reazioni, il comunicato del Politburo alla fine del Terzo Plenum del PCC fa intravedere alcune aperture interessanti verso un miglioramento del rispetto dei diritti umani in Cina. L’abolizione del sistema di repressione del dissenso – ufficialmente di rieducazione attraverso il lavoro – apre la porta al pluralismo. L’ammorbidimento della legge sul figlio unico è teso soprattutto a far cessare gli abomini dei piccoli burocrati locali del partito, esecutori feroci per non perdere il lavoro e rischiare l’emarginazione. Se “Dei delitti e delle pene” diventasse un best-seller…

Leggi il seguito

Serpeggiano sfiducia e delusione in Cina per le mancate riforme democratiche del III Plenum

La conclusione del vertice del Partito comunista apre a una riforma di mercato orientata verso i privati, ma mantiene i vecchi paletti. Timori per la creazione della Commissione per la sicurezza nazionale, che potrebbe far divenire ancora di più la Cina uno “Stato di polizia”. Analisti: “Senza liberalizzazione politica, le misure economiche non riusciranno”. Al centro l’economia, ma non le libertà politiche. Necessarie riforme nel sistema creditizio

Leggi il seguito

Figlio unico, sicurezza nazionale e stabilità economica: le riforme del Terzo Plenum del Partito Comunista Cinese

Concluso a Pechino l’incontro fra i massimi leader del Partito comunista, che hanno approvato due nuove “super Commissioni” per la sicurezza interna e la riforma dell’impianto economico. Indiscrezioni su un rilassamento della legge sul figlio unico: alle coppie formate da due figli unici sarà permesso avere due figli. Mancano però conferme ufficiali

Leggi il seguito

Cina, Terzo Plenum del Partito: le riforme segrete (e forse inesistenti)

Il raduno di 250 membri del Comitato centrale dura fino al 12 novembre, nel silenzio stampa più assoluto. Vi sono alcuni importanti suggerimenti da parte di think-tank: province staccate dall’economia; riduzione dei monopoli; riforma del certificato di residenza per i migranti. Ma non è sicuro che essi saranno presi in considerazione. Rimane fermo il monopolio del potere del Partito, come ai tempi dell’impero cinese. Anche Xi Jinping è indietreggiato dopo aver promesso molte riforme

Leggi il seguito